Sanità: che cosa possono imparare europei e americani, gli uni dagli altri?
Americani ed europei hanno tanto da imparare gli uni dagli altri in tema di sanità. Gli europei di più, però. Almeno in un’ottica di mercato. L’opinione è di Grace-Marie Turner, presidente del Galen Institute e ospite dell’Istituto…
Americani ed europei hanno tanto da imparare gli uni dagli altri in tema di sanità. Gli europei di più, però. Almeno in un’ottica di mercato. L’opinione è di Grace-Marie Turner, presidente del Galen Institute e ospite dell’Istituto Bruno Leoni per l’Healthcare Seminar del 6 giugno scorso. Per la studiosa americana – tra i più ascoltati consiglieri del candidato repubblicano alla presidenza, John McCain – molto in America dipenderà dalle prossime elezioni di novembre, dove si confronterano due candidati potenzialmente “rivoluzionari” come il senatore dell’Arizona ed ex eroe del Vietnam e il senatore nero Barack Obama. Che, però, potrebbe riservare meno incognite “all’europea” di Hillary Clinton. “Obama non mira a un sistema completamente diverso da quello attuale, contrariamente all’ex first lady: il candidato democratico non cerca di introdurre il modello europeo della copertura sanitaria universale in America. Per lui il sistema delle assicurazioni private è sostanzialmente valido e il problema è semmai di costi pubblici e privati”. La differenza con McCain è nelle soluzioni. Obama vorrebbe calmierare i premi delle polizze imponendo una sorta di prezzo politico a tutti, giovani e anziani, sani e malati. McCain punterebbe invece sui due pilastri del liberismo economico: libertà e responsabilità. La sua idea è che spetti ai cittadini, e non allo Stato, la decisione su come destinare i soldi per le spese sanitarie personali: “Portabilità della polizza, concessione di un credito fiscale ai singoli e alle famiglie (si parla di 2.500 e 5 mila dollari, secondo i casi, ndr) per consentire a tutti di cercarsi un’assicurazione sanitaria che faccia al proprio caso e apertura alla concorrenza tra compagnie su scala nazionale: sono i tre ingredienti della ricetta liberista di John McCain”.
Privacy Policy
x