«I tagli farmaceutici danneggiano i pazienti»
Intervenendo a un seminario dell'Istituto Bruno Leoni, l'ex commissario della FDA Peter Pitts ha bocciato il piano di rientro del debito e il rinnovamento della politica sanitaria del Lazio, illustrato ieri dal governatore Piero Marrazzo
Intervenendo a un seminario dell'Istituto Bruno Leoni, l'ex commissario della FDA (il regolatore farmaceutico americano) Peter Pitts ha bocciato il piano di rientro del debito e il rinnovamento della politica sanitaria del Lazio, illustrato ieri dal governatore Piero Marrazzo. Il piano punta a far risparmiare 210 milioni di euro di spesa farmaceutica nel 2007, principalmente attraverso l'introduzione di un prezzo di riferimento di 11 euro. Per Pitts, «il prezzo di riferimento è una tecnica di controllo dell'efficienza sanitaria apparentemente basata sull'evidenza ma in realtà fondata su grossolane stime econometriche che ignorano le reali esigenze dei singoli pazienti». Aggiunge Alberto Mingardi, direttore generale dell'IBL: «la tentazione di tagliare indiscriminatamente la spesa farmaceutica rischia di mettere a repentaglio il più generale riassetto del sistema»

Da Il Tempo, 1 marzo 2007


Privacy Policy
x